È festa nei borghi italiani: turismo slow sorseggiando vino, da San Giorgio di Valpolicella a Cisternino

    214

    Ora che ci siamo messi alle spalle due anni da incubo, possiamo tornare alla normalità e alle bellissime sere d’estate tra i meravigliosi borghi italiani, tutti da ammirare, ma anche da “gustare”, con l’enogastronomia tipica. Sono migliaia gli eventi che valorizzeranno i borghi antichi dell’ entroterra italiano durante la “bella stagione” 2022. Ce n’è uno in particolare che crea una grande rete italiana di turismo slow, un evento itinerante che valorizza i borghi antichi e i meravigliosi vini locali, con grandi ospiti (giornalisti e specialisti del settore enoico): si tratta di “Borgo diVino”. Sono 10 le tappe quest’anno: San Giorgio di Valpolicella (Veneto), Neive (Piemonte), Città Sant’Angelo (Abruzzo), Brisighella (Emilia-Romagna), Cisternino (Puglia), Borgo Santa Caterina (Lombardia), Grottammare (Marche), Vietri sul Mare (Albori) in Campania, Nemi (Castelli Romani) Lazio, Spello (Umbria). 

    “Le eccellenze enogastronomiche entrano tra vicoli, rocche e scorci di terra e di mare per offrire weekend unici di riscoperta dei territori, da esplorare a passo lento e calice alla mano – spiegano gli organizzatori – Un viaggio gustoso che attraversa l’estate, tra degustazioni, percorsi formativi ed esperienze diffuse dove i vini e i loro protagonisti si raccontano in cornici di grande suggestione”. Oltre 400 aziende vitivinicole, selezionate tra i territori di riferimento di ogni tappa e le eccellenze nazionali. I protagonisti del vino accompagneranno i visitatori in un viaggio nel gusto e nella scoperta, con una selezione di oltre 1000 etichette a disposizione, da degustare tra vicoli, piazze e terrazze panoramiche. L’1-2-3 luglio l’evento fa tappa in provincia di Brindisi, a Cisternino (paese noto per le famose “bombette di carne”). “Nel cuore della Valle d’Itria, tra campagne punteggiate di trulli e muretti a secco, Cisternino accoglie i visitatori con un centro storico che è a buon diritto nel circuito dei Borghi più Belli d’Italia – spiegano gli organizzatori- 

    Il weekend di Borgo diVino è il tempo giusto per perdersi nel suo dedalo di vicoli, archi e cortili, passeggiando sulle chianche, la tipica pavimentazione in pietra, e degustando una selezione accurata di vini pugliesi e nazionali. Perché se questa è terra d’olio per definizione, ricca è anche la sua produzione vinicola, dominata da uve a bacca bianca”.