Home BioGreenItaly Nel Salento un’estate ricca di mare, musica, cultura ed enogastronomia. Anche col...

Nel Salento un’estate ricca di mare, musica, cultura ed enogastronomia. Anche col maltempo una parte di costa col sole e tante cose da fare

203
Uno scorcio della spiaggia di Rivabella a Gallipoli, foto scattata alle 17:30 il 14 agosto del 2022

Il Salento è ricco di sorprese anche quando le nuvole minacciano le vacanze di tanti turisti. Il segreto è non scoraggiarsi e programmare. Negli ultimi tre giorni il maltempo ha interessato gran parte dell’Italia. Molto spesso, però, succede che a Lecce piova e sullo Ionio, invece, ci sia il sole per diverse ore. Oggi, ad esempio, fino a tarda sera il gallipolino, nonostante qualche nuvola di passaggio e un po’ di vento, ha riservato una mattinata e un pomeriggio straordinari in riva al mare. Ieri, mentre altrove pioveva, le marine leccesi come Torre Chianca regalavano una straordinaria giornata di sole e lunghissime distese di spiaggia libera. Insomma, il Salento è sorprendente pure quando in alcune zone piove. Anche quest’estate gli appuntamenti con le tradizioni non mancano: dalla Festa della Municeddha alla Notte della Taranta, dalle feste patronali alla Mostra Mercato della Ceramica Artigianale, musica, borghi antichi, tradizioni culturali, artigianali ed enogastronomiche sono le grandi protagoniste di un territorio tutto da scoprire per centinaia di migliaia di turisti. Quando piove, le alternative sono tante. Si può partire da Gallipoli, visitando il suo museo di Gallipoli e facendo delle romantiche passeggiate intorno alle mura cinquecentesche: il castello nell’acqua è un’autentica meraviglia! Da ammirare le flotte di paranze, le barche tipiche e il cibo da gusto unico nei ristoranti del borgo. C’è la possibilità di assaporare il pescato giornaliero, quello preparato dai pescatori. Da non perdere l’eccellenza rara: le Ostriche rosse di Gallipoli o i gamberi viola, simboli maestosi della ricerca e dell’arte marinara.

Mentre in tante zone era nuvoloso e pioveva, a Gallipoli c’era chi si godeva il mare

Tutto gallipolino è ricco di sorprese, con i suoi palazzi storici, le spiagge e le scogliere straordinarie. Si può anche fare un giro sulla costa adriatica ad ammirare Otranto, la città dei Martiri e il suo Castello. Anche l’entroterra salentino è ricco di sorprese: c’è il museo interattivo in 3D di Maglie, dove divertirsi a farsi selfie indimenticabili e assolutamente irripetibili altrove (aperto presso Palazzo de Marco in Piazza Aldo Moro dal 3 agosto all’11 settembre), si può fare shopping (in agosto è sempre periodo di saldi!). Per chi vuol fare qualche chilometro in più, è consigliabile una gita al MarTa di Taranto, uno dei più bei musei di archeologia del sud Italia (se vi è possibile, visitatelo aggregandovi ad una visita guidata, sarà a dir poco illuminante!). Per le famiglie è imperdibile l’acquario di Santa Maria al Bagno, per poi fare una passeggiata sul lungomare (il museo non è molto grande, ospita due sale, ma le particolarità e le curiosità non mancano). La visita vi impegnerà un’oretta, il resto del tempo potrete trascorrerlo ammirando il mare ingrigito dal maltempo: gli splenditi colori e tramonti che il Salento sa donare.  A Lecce è possibile visitare il Museo della Cartapesta, presso il Castello di Carlo V (il Castello stesso vale una visita!). Dopo la visita al museo, potete spostarvi verso Piazza Sant’Oronzo e di lì verso il Duomo di Lecce, dove potrete scattare alcune foto ed ammirare il trionfo del barocco leccese. Lecce è una città unica, con due anfiteatri romani: non sottovalutate il parco Rudiae. Non bisogna perdersi la Buttefly House di Calimera, la casa delle farfalle, per poi recarsi in piazza per un bel gelato artigianale (il museo include varie sezioni, botanica, geologia, astronomia e altro): un programma di successo per chi ha dei bambini.

Da non sottovalutare una passeggiata a Nardò con una guida turistica (anche a Nardò c’è un bellissimo museo della Preistoria, oltre che un piccolo museo delle tradizioni contadine e diversi negozi per gli amanti dello shopping). A Cutrofiano si può comprare un po’ di ceramica artigianale fatta a mano (il famoso pumo pugliese, ma anche i più modaioli palloncini, per non parlare delle stoviglie e dei servizi di piatti). Sempre in questo paese troverete anche i laboratori dei maestri ceramisti che ancora oggi lavorano al tornio: vederli lavorare sarà davvero stupefacente! Con la pioggia si può fare una gita ad Ostuni, la città Bianca: un paesino incantevole dove recarsi a pranzo o a cena ed ammirare il paesaggio circostante. Le alternative sono tante, anche quando non si può andare a mare!