Home BioGreenItaly Cibus, l’alta qualità culinaria italiana invita 20mila esperti internazionali a Parma. Le...

Cibus, l’alta qualità culinaria italiana invita 20mila esperti internazionali a Parma. Le eccellenze, sempre più genuine, per battere la crisi

288

PARMA – Cibus Connecting Italy 2023, leader nel settore bio-agroalimentare, alza il sipario con quattro ulteriori focus tematici e tante novità enogastronomiche. Sono 500 i nuovi prodotti in vetrina. Le nuove tendenze di consumo sono orientate verso il cibo healthy & natural, con una particolare attenzione alla sostenibilità: tutte le novità saranno concentrate a Parma. Il meglio dell’ortofrutta fresca e confezionata nell’area “Fruit&Vegetables”, l’eccellenza italiana di “Gelato&Pastry” e le innovazioni dell’ingredientistica a base vegetale e dei prodotti ricchi in proteine con i focus “Plant Based” ed “Endurance”. Cibus è il più grande evento fieristico dedicato all’enogastronomia dove le aziende si incontrano e si aggiornano: un’eccellenza mondiale. L’alimentazione è il punto di forza dell’economia italiana: un settore che non conosce crisi. Il “made in Italy” ha conquistato il pianeta ed ora diventa sempre più genuino e naturale. Al Cibus sono attesi 20mila operatori da tutto il mondo per ammirare le novità dell’evoluzione enogastronomica italiana, sempre più tendente al “bio”. L’inaugurazione avrà luogo mercoledì 29 marzo 2023, alle Fiere di Parma.

 L’edizione di quest’anno del Salone internazionale dell’alimentazione propone alle decine di migliaia di operatori internazionali, mille brand dell’agroalimentare e quattro aree speciali: ortofrutta fresca; ingredienti funzionali a base vegetale; nutraceutica e integrazione sportiva; ingredientistica e soluzioni tecnologiche per gelato e pasticceria. Manifattura e filiere italiane di qualità saranno le grandi protagoniste. Le aziende eccellenti italiane mettono sul mercato prodotti sempre più innovativi per tracciabilità, sostenibilità, salubrità, produzioni pulite, che valorizzano l’agricoltura di traduzione e la genuinità. I vari temi saranno affrontati mettendo in campo le innovazioni e tutte le possibilità per migliorare la produzione. Per quanto riguarda i salumi, ad esempio, che rappresentano un comparto fiore all’occhiello della tradizione alimentare nazionale, grazie alla sua storica capacità di proporre sul mercato un enorme campionario di prodotti tipici – conosciuti e apprezzati in Italia quanto all’estero, non ci si potrà esimere dall’affrontare il tema della crescente sensibilità verso gli argomenti della sostenibilità ambientale e del benessere animale. In diretta da Cibus Connecting Italy 2023, saranno coinvolte le aziende sul tema, per capire qual è oggi lo stato dell’arte in questo comparto così centrale per la produzione alimentare italiana. Il tema sarà affrontato con l’aiuto di esperti di nutrizione, cercando di analizzare quali sono le chiavi più giuste per interpretare i nuovi trend emergenti nel medio-lungo periodo.

Il taglio del nastro della più grande fiera del cibo di qualità avverrà alla presenza del ministro dell’Agricoltura e della Sovranità alimentare Francesco Lollobrigida. Un intero settore della fiera sarà dedicato all’innovazione e alle start up. L’evento sarà in collaborazione con il Banco Alimentare, che opererà contro gli sprechi, recuperando tutto il cibo eccedente. Dunque, un evento green a tutto tondo, dove innovazione, eccellenza enogastronomica, produzioni sostenibili, filiere trasparenti e racconto dei territori si intrecciano e conquistano i visitatori.